Ultima modifica: 22 marzo 2019

Circolo ACLI – Convegno l’Europa che vorrei

Download PDF

Download volantino

Con questo convegno aderiamo alla campagna “L’Europa che vogliamo”, promossa dalle ACLI milanesi. Rifletteremo insieme sui temi del lavoro, dell’economia, della pace, delle istituzioni, della mobilità e dell’ambiente nel contesto europeo.

  • CHI SEI? DA DOVE VIENI? I giovani del circolo geopolitico delle Acli milanesi
  • COSI’ UGUALI COSI’ LA CONDIZIONE GIOVANILE IN EUROPA Paolo Balduzzi
  • FARE COMUNITÀ NELL’EUROPA CHE CAMBIA Aldo Bonomi

In collegamento da Copenhagen: Federico Antognazza ci presenterà la sua esperien­za di lavoro in Europa nella rete ambientale EIONET. Modererà Paolo Petracca, presidente provinciale delle Acli di Milano, Monza e Brianza. Appuntamento a lunedì 8 aprile, ore 20:45 presso la sala teatro dell’Oratorio San Domenico Savio di Ceriano Laghetto, in via San Francesco.

Il convegno è aperto a tutti, ma come sempre nelle nostre corde, vorremmo diventasse un’occasione preziosa di informazioni e di riflessione per i più gio­vani. Per questo, oltre all’invito a partecipare al convegno, insieme a genitori e insegnanti, ai ragazzi proponiamo di partecipare anche in forma più concreta, producendo un lavoro artistico sul tema dell’Europa e su quello che ritengono il principio, il valore più importante per la rinascita del nostro continente.

I ragazzi potranno lavorare da soli, in gruppi oppure come classi, coordinati dagli insegnanti, per produrre disegni e/o grafiche che abbiano come titolo “L’Europa che vorrei…”. Ogni prodotto dovrà essere accompagnato dai dati dell’autore o degli autori, classe e scuola di appartenenza e da una breve de­scriziòne sul suo significato (max. 10 righe) riportata sul retro. La consegna degli elaborati deve avvenire entro il 27 marzo 2019 presso la sede del circolo ACLI del comune di appartenenza.

Per informazioni: 3202794799 – e-mail: aclixigiovani@gmailcom – https://www.aclimilano.it/

l lavori artistici verranno esposti la sera del convegno e in tale occasione sarà attribuito un riconoscimento a quelli valutati come più significativi.